A scuola di felicità, anche in quarantena: la lezione dei finlandesi

Negli ultimi anni, la Finlandia si è sempre piazzata al primo posto nella classifica dei paesi più felici del mondo stilata dall’Onu. Un primato mica da poco, soprattutto di questi tempi. Sembra che il segreto di questo stato di grazia – oltre naturalmente a parametri oggettivi come il Pil, l’assistenza sociale, il rispetto delle libertà individuali – sia da ricercare nelle fondamenta della cultura “sisu”, tipica proprio dei finlandesi. Ecco allora i 5 pilastri su cui si basa la felicità degli abitanti del paese del Nord, diffusi dall’ente che si occupa della promozione turistica Visit Finland.

Serenità in cinque mosse
I consigli da fare propri per cercare di carpire la ricetta della felicità finlandese, anche in tempi di Covid-19, sono di fatto cinque piccole (o grandi) abitudini tutte da provare.
1 Doccia fredda per iniziare la giornata. Oltre che della sauna, i finlandesi sono dei veri fan di tuffi in acque ghiacciate, sia in mare sia nei laghi. Ma c’è una spiegazione a questa pratica che potrebbe apparirci estrema: quando si riemerge dall’acqua fredda, la circolazione si attiva, il corpo si riscalda e il cervello produce serotonina, che con la dopamina è l’ormone del buonumore. Per tenere alla larga lo stress, in mancanza di laghi gelidi, niente di meglio di una tonificante doccia fredda.
2 Leggere e ancora leggere. I finlandesi leggono tantissimo, non per niente sono il paese più alfabetizzato del mondo e quello che in assoluto frequenta di più le biblioteche. 
3 Camminare nel verde. I finlandesi vivono nella natura e stanno bene nelle loro foreste. Certo, in tempi di lockdown non si può andare a zonzo nei boschi, però si può farlo almeno mentalmente, magari ascoltando i suoni della natura e progettando passeggiate rilassanti.
4 Pane e cannella. Un’abitudine tutta finlandese è quella di preparare a casa il pane alla cannella, ossia i korvapuusti. Si tratta di focacce alla cannella cotte al forno con un pizzico di cardamomo. Per i finlandesi è un rito il momento del “pullakahvit”, cioè la pausa a base di caffé e dei korvapuusti.
5 Visitare i musei, anche virtualmente. Nel piccolo paese ci sono più di 55 musei d’arte e numerose gallerie, fino al Circolo Polare Artico. I finlandesi rilassano la mente attraverso l’arte: una bella abitudine da copiare, anche con visite virtuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *